Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

Presentazione itinerario

La Marmolada vista da Cima Uomo,  a sinistra la forcella e la cresta di nord ovest

Il Sentiero della Pace è un tracciato che segue la linea del fronte della Prima guerra mondiale, in quello che fu il settore occidentale della guerra italo-austriaca, combattuta tra il 1915 ed il 1918. Il percorso si snoda per circa 604 km, dal Passo dello Stelvio alla Marmolada, collegando tra loro le vette dei ghiacciai ai fondovalle alpini e creando un’ampia rete di sentieri che consente all’escursionista di raggiungere forti, capisaldi, tagliate vallive, strade militari, trincee approntati dall’esercito italiano ed austro-ungarico durante il Primo conflitto mondiale.

A partire dal 1986 la Provincia autonoma di Trento ha avviato la mappatura e il recupero dei tracciati e delle opere di guerra dislocati lungo la linea del fronte. Tra il 1987 ed il 1993 numerose opere fortificate sono state ripulite e rese accessibili ai visitatori e gran parte del percorso è stato messo in sicurezza e dotato di apposita segnaletica.
In occasione del Centenario della Prima guerra mondiale tra il 2014 e il 2018, il Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione ambientale della Provincia di Trento ha avviato una serie di lavori di controllo, manutenzione e ripristino del tracciato.

Gran parte del percorso è dotato di un’apposita segnaletica riconoscibile dal simbolo della colomba, che indica il tracciato del Sentiero della Pace e guida gli escursionisti. Per chi vuole saperne di più, il volume di riferimento è a cura di Claudio Fabbro, La Grande Guerra e il Sentiero della Pace, Reverdito, Trento 2016.

In questa pagina sono disponibili delle brevi descrizioni dei singoli tratti che compongono il Sentiero con un’indicazione generica della difficoltà e dei tempi di percorrenza. Prima di intraprendere un’escursione si raccomanda di verificare sempre le condizioni del tracciato da percorrere presso le Aziende di Promozione Turistica e sul sito della SAT Società Alpinisti Tridentini.

 
 
Forte Corno
Forte Dossaccio
Forte Garda