Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

SENTINELLE DI PIETRA 2018. DI FORTE IN FORTE SUL SENTIERO DELLA PACE

Torna la rassegna di eventi in Trentino nei luoghi simbolo della Prima guerra mondiale lungo il Sentiero della Pace. Dal 21 giugno al 23 settembre oltre 30 spettacoli, visite guidate ed escursioni.

Sentinelle di pietra 2018_548x300

Torna la rassegna di eventi in Trentino nei luoghi simbolo della pace con spettacoli teatrali e di danza, concerti, escursioni animate per famiglie, suggestive visite teatralizzate, una mostra d’arte contemporanea diffusa e racconti di guerra nei rifugi che sorgono lungo il Sentiero della Pace.

Seguendo i tracciati della Grande Guerra, dai paesaggi lunari delle Dolomiti fino a quelli mediterranei sul Lago di Garda, il Circuito dei Forti del Trentino propone per la quarta edizione “Sentinelle di Pietra”, una rassegna ricca di suggestioni alla scoperta della storia, nell’anno in cui si ricorda la fine delle ostilità fra Austria e Italia.

“Sentinelle di pietra” rientra nel progetto di valorizzazione dei Forti del Trentino promosso dal Servizio Attività culturali della Provincia autonoma di Trento e curato dal Centro Servizi Culturali S. Chiara con la Fondazione Museo storico del Trentino. L’obiettivo è quello di trasformare questi luoghi progettati per esigenze belliche in straordinari strumenti di diffusione della conoscenza della storia e della cultura della pace attraverso la contaminazione delle arti.

Quest’anno saranno 17 le fortificazioni austro-ungariche che ospiteranno più di 30 appuntamenti: musiche, suoni, narrazione, recitazione, giochi di luce, faranno rivivere le suggestioni della Grande Guerra in luoghi incantevoli e dal grande impatto emozionale.

Le date degli eventi e tutte le informazioni per partecipare saranno pubblicate su questo sito nel Calendario degli eventi

Informazioni:
Circuito dei Forti
Fondazione Museo storico del Trentino
tel. +39 0461 230482
info@museostorico.it


PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

MOSTRA D’ARTE CONTEMPORANEA DIFFUSA
ARTEFORTE | Aspettando il momento

Installazioni d'arte contemporanea in dieci forti trentini dal 21 giugno al 23 settembre 2018
 

Torna quest’estate l’appuntamento con l’arte contemporanea all’interno dei forti austroungarici del Trentino “ARTE FORTE”, mostra diffusa ideata da Giordano Raffaelli con il coinvolgimento di dodici gallerie private di tutto il Triveneto.

Questa seconda edizione invita gli artisti partecipanti a riflettere sui temi del tempo, dell’attesa e della sospensione sotto il comune denominatore del titolo “Aspettando il momento”.

Le loro opere, pensate appositamente per questi luoghi espositivi eccezionali, fanno proprie modalità espressive differenti e linguaggi che vanno dalla pittura alla scultura, all’installazione, alla fotografia, al video.

L’evento d’inaugurazione di “Arte Forte” avverrà a partire dalla serata di giovedì 21 giugno presso Forte Cadine e proseguirà nei tre weekend successivi in ogni forte coinvolto dando vita a un fitto calendario d’arte contemporanea che animerà l’inizio estate in Trentino. La mostra proseguirà fino al 23 settembre.


ROCK MUSICAL DOLOMITENFRONT

16 agosto ore 16.00
Forte Dossaccio, Predazzo

18 agosto ore 20.30
Forte Tenna, Tenna

Un vero Rock Musical della durata di circa un’ora e mezza con musiche e testi di Roberto Falsetti e Ana Vukovojac e diretto da Emma Deflorian con il gruppo di musicisti e attori originari delle Valli di Fiemme e di Fassa.

È un grido contro tutte le guerre, passate, presenti e future ed un inno alla Pace! Lo spettacolo è tratto dall'omonimo film “Dolomitenfront”  che è stato girato  all'interno e all'esterno di Forte Dossaccio, utilizzato per la prima volta dopo cento anni e questa volta non per lanciare  bombe, ma un messaggio di pace in musica.

La musica è stata suonata e registrata dal vivo durante le riprese all’interno del forte come in un vero e proprio concerto Rock.


A PIEDI NUDI
100 anni dalla fine della guerra
Compagnia Sharon Fridman

7 agosto ore 18
CAMPANA DEI CADUTI, Rovereto

9 agosto ore 18
PIAZZA DANTE, Trento

11 agosto ore 14
SACRARIO MILITARE, Passo del Tonale

Con questo spettacolo la Compagnia Sharon Fridman rende omaggio alle donne che, dopo la prima guerra mondiale, hanno preso in mano le redini dell'umanità, ricostruendo le case, curando con urgenza le ferite profonde causate dalla devastazione irrazionale e illuminando un presente di speranza.

Uno spettacolo concepito per commemorare il Centenario della fine della Grande Guerra e a cui parteciperanno più di cento artisti in tre luoghi simbolok del primo conflitto mondiale in Trentino: una stazione ferroviaria, un sacrario militare e la Campana dei Caduti, testimonianza della pace finalmente conquistata.

Questo ultimo progetto della Compagnia evolve il tema dei “paesaggi umani” avviato proprio a Oriente Occidente dal precedente spettacolo Rizoma, che ha avuto un ampio successo internazionale.

In A piedi nudi una donna attraversa i territori dell’umanità e riconcilia il passato con il presente, accetta e comprende la perdita, la solitudine, la morte, riesce a trasformarsi per andare avanti.

Perché è il timone della vita quotidiana e porta la sua marcia verso una nuova famiglia, una nuova società. Un nuovo paese, un nuovo continente.


E inoltre:

ESCURSIONI ANIMATE SULLE TRACCE DELLA GRANDE GUERRA
Percorsi alla scoperta della storia, sulle tracce della Grande Guerra, passando per le fortezze animate da interventi musicali e recitati. Tragitti di facile percorrenza, adatti alle famiglie, della durata media di due ore.
In nove tappe si percorreranno tratti della storia e del territorio ogni volta assaporando interventi artistici diversi.

VISITE TEATRALIZZATE
Percorsi immersivi nei forti

Si propone anche quest'anno, dopo il successo ottenuto nella scorsa edizione, due spettacoli da vivere come esperienza “full immersion” nei più suggestivi Forti del Trentino. La visita durerà circa 50 minuti e sarà replicata per tre volte ogni pomeriggio

INCONTRI NEI RIFUGI LUNGO IL SENTIERO DELLA PACE
La novità di quest'anno è rappresentata da 4 incontri con scrittori, giornalisti e studiosi che nella loro attività letteraria hanno affrontato il tema della guerra (di ieri e di oggi). Il luogo dell'incontro saranno alcuni dei più suggestivi rifugi collocati lungo il Sentiero della Pace.
Il rifugio di alta montagna, luogo di passaggio e di sosta, si trasforma in un luogo dove immaginare nuovi scenari di vita e di pace.