Attenzione! Abilita i javascript nel tuo browser per una completa visualizzazione del sito

IN VAL DI FASSA NASCE IL PROGETTO DEL MUSEO “LA GRAN VERA” E DEL “PARCO DELLA MEMORIA STORICA”

Con la riapertura estiva della mostra “1914-18 La Gran Vera. La Grande Guerra: Galizia-Dolomiti” arrivano importanti novità per la valorizzazione del patrimonio culturale legato al primo conflitto mondiale in Val di Fassa.

06.29 - La Gran Vera

È stato presentato lo scorso 23 giugno a Moena un progetto di valorizzazione legato alla Grande Guerra e promosso dal Comune di Moena in collaborazione con l’Istituto Culturale Ladino “Majon di Fascegn” e l’associazione “Il Fronte dei Ricordi”.

Con la riapertura estiva della mostra “1914-18 La Gran Vera. La Grande Guerra: Galizia-Dolomiti”, inaugurata nel 2014 all’interno del Teatro Navalge di Moena, arrivano importanti novità per la valorizzazione del patrimonio culturale legato al primo conflitto mondiale presente in Val di Fassa.

La prima di queste novità è la volontà di trasformare “La Gran Vera” da mostra temporanea a museo permanente, inteso come sezione locale del Museo Ladino di Fassa, il sistema già presente sul territorio e gestito dall’Istituto Culturale Ladino. 

In secondo luogo, è stato presentato il progetto di valorizzazione “Enlongia l Troi de la Pèsc - Lungo il Sentiero della Pace” che si propone di migliorare la fruizione del lungo tratto di Sentiero della Pace presente in valle. Sono previsti la creazione di itinerari tematici legati alla memoria della Grande Guerra con cartellonistica didattica lungo i sentieri ed eventi per coinvolgere e sensibilizzare i turisti e la popolazione.

Inoltre è stata annunciata la possibilità di realizzare, grazie al sostegno della Provincia autonoma di Trento, un grande “Parco della memoria storica Gran Vera- Grande Guerra in Val di Fassa”, che andrebbe a implementare e valorizzare l’opera di recupero dei siti della Grande Guerra portato avanti da oltre vent’anni dai volontari dell’Associazione “Sul Fronte dei Ricordi”. Oltre al recupero di siti e sentieri, il progetto andrebbe a recuperare un altro luogo di grande interesse, l’ex ospizio di Passo San Pellegrino, grazie ad un accordo tra il Comune di Moena e l’azienda Salewa. Al Passo verrebbe a crearsi un luogo destinato all’ospitalità turistica oltre che un centro di accoglienza per i visitatori con allestimenti incentrati sugli aspetti naturalistici e storici della valle, punto di partenza per le numerose escursioni sul territorio.